Perché la cellulite affligge le donne?

Beauty09/08/2019

Perché gli estrogeni la fanno da padroni ma…

….ma possiamo fare qualcosa anche se il problema cellulite è complesso nel suo insieme, frutto di concause molteplici. Ve li spieghiamo.

Sotto la nostra cute c’è un tessuto, detto ipoderma perché costituito da cellule adipose. L’abbondanza di adipe dipende da vari fattori: costituzione, ormoni, abitudini alimentari, sesso, età. Nella donna, troviamo la fattispecie cellulitica nelle zone di cosce e glutei, parti che presentano maggiore sensibilità all’azione degli ormoni femminili quali estrogeno e progesterone. Infatti pubertà, gravidanza e pre-menopausa sono momenti molto critici: nella pubertà gli estrogeni contribuiscono a rendere i tessuti ricchi d’acqua, in gravidanza si verifica una delicata situazione ormonale e in pre menopausa lo sbalzo ormonale contribuisce ad aumentare la cellulite. Addirittura la prolattina in eccesso favorisce l’insorgenza della cellulite perché causa un aumento della ritenzione idrica.

L’ipoderma sta bene, ovvero funziona a regime, quando viene mantenuta una buona micro circolazione della massa adiposa e una diffusione regolare delle molecole di grasso e dei trigliceridi. Invece, vi sono dei fattori che influiscono negativamente sulla micro circolazione del tessuto adiposo e causano alterazioni funzionali dei vasi sanguigni. Quindi, quando il tessuto adiposo degenera e le sue funzioni metaboliche si alterano, la cellulite si manifesta. A parte le predisposizioni genetiche e le cause ormonali (l’eccessiva attività degli estrogeni causa ritenzione idrica) o vascolari (fragilità capillare e cattiva circolazione), ci sono abitudini alimentari che possono aiutarci a inibire la cellulite.

Una parola su tutte: sale. Il sale è il principale responsabile della ritenzione idrica e va evitato assolutamente. Anche gli insaccati e i salumi sono ricchissimi di sale e conservanti: insieme favoriscono il ristagno dei liquidi. Il caffè è dannoso perché ostacola l’assorbimento del ferro e lo zucchero è letale per tutto. Quindi no deciso ad alimenti industrialmente raffinati e ricchi di zucchero. Il fumo ha un'azione vasocostrittrice e aumenta i radicali liberi, mentre lo stress innalza i livelli di cortisolo (ormone dello stress), che aumenta la ritenzione idrica. Altresì, la mancanza di esercizio fisico comporta la perdita di tessuto muscolare, quindi un decremento del metabolismo, che causa sovrappeso e perdita di tonicità del corpo, con aumento della cellulite visibile.

Cosa mangiare? Frutta e verdura in abbondanza, in quanto apportatrici di sali e vitamine. Di queste è meglio scegliere quelle con più alto contenuto di potassio, ottimo per favorire la diuresi: questo prezioso minerale si trova nell'uva, nel kiwi, nell'ananas che ha tra l'altro efficacia antinfiammatoria, negli asparagi, nell'aglio e nella cipolla. Rivestono poi grande importanza le vitamine del gruppo A,C,E nonché quelle del gruppo B che conferiscono l'equilibrio della flora batterica intestinale. La vitamina A dona elasticità al tessuto connettivo e trova maggior concentrazione nell'olio di fegato di merluzzo e nel cavolo verde; per la vitamina C che contribuisce alla nutrizione delle pareti dei vasi linfatici, scegliete i peperoni rossi e ancora una volta il cavolo verde; infine la vitamina E che aiuta a rigenerare il tessuto connettivo è presente in gran quantità nel grano e nell'avena, quindi nei loro derivati non raffinati.

Dove trovare questi alimenti?

Altre notizie

#JustAsk

Rispondiamo
entro un'ora
sulla nostra pagina Facebook

Fai la tua domanda
Orari d'apertura

Telefono: +39 06 8707 0275
> Contattaci

Top